LE NOSTRE POSIZIONI SEGUITE DA TUTTI

Angelo Testa <Rinunciamo volentieri alla primogenitura perché per noi è fondamentale che la Medicina Generale vada avanti! Basta con i «bastoni fra le ruote» da parte di burocrati, funzionari e politici che non conoscono il nostro lavoro e vorrebbero vessare, intimorire e tagliare fregandosene dei Medici e dimostrando insensibilità verso i pazienti>

Taormina 13 Ottobre 2016-Parte il congresso nazionale, l’appuntamento più importante per il popolo Snami, di confronto e stimolo per rafforzare la linea politica di un sindacato sempre in prima linea in difesa della professione. esordisce il presidente nazionale, Angelo Testa < e lo SNAMI si batterà per un’offerta di assistenza ai pazienti, soprattutto ai cronici e agli anziani, e di prevenzione che non decada anche in relazione ad una spesa sanitaria in rapporto al PIL che è in continuo decremento.> Oltre a ribadire che lo SNAMI ha contestato i contenuti della legge Balduzzi sin dalla genesi e di essere stati gli unici a sottolineare quelle che sarebbero state le storpiature che quella legge avrebbe causato, il Presidente Testa, si toglie «un sassolino dalla scarpa». Nella sua relazione il leader del sindacato autonomo ribadisce la posizione dello SNAMI in tutela dei Giovani Medici che vorranno lavorare nel territorio, formati anche fuori borsa, in una politica di coinvolgimento fattivo anche nella considerazione che i posti che si libereranno ogni anno per i pensionamenti rischiano di lasciare le cure primarie senza personale sanitario. sottolinea Angelo Testa. In riferimento al rinnovo dell’ACN ribadisce che nel ruolo unico della medicina generale dei medici a quota capitaria e a quota oraria non ci devono essere sovrapposizioni di ruoli e mansioni e che qualsiasi cambiamento deve essere preceduto da una reale fase di sperimentazione. Grande attenzione inoltre al 118 e soprattutto alla Continuità Assistenziale in una assistenza territoriale che deve necessariamente di ventiquattro ore su ventiquattro.

Ufficio Stampa Snami

1